Le perle del Prof – La VAR non cambia la storia

A poche giornate dalla fine del campionato e, visto quanto accaduto al Meazza sabato sera durante la partita Inter- Juventus, forse è il caso di tracciare le prime conclusioni sull’avvento della Var nel nostro massimo torneo di calcio.

In prima approssimazione, è giusto riconoscere che molto è cambiato.

Si è dimostrato un’importante ausilio nei momenti di maggiore difficoltà della classe arbitrale.

I più, a torto, sostenevano che avrebbe snaturato la partita con continue e inopinate interruzioni.

Niente di più falso.

Sono proprio queste ultime che hanno notevolmente contribuito allo spettacolo del calcio, fornendo una nuova componente fatta di pathos passione e batticuore, che prima non c’era.

Alla chiamata della Var, il tifoso vive l’inferno o il paradiso e passa dall’uno all’altro nel giro di pochissimi secondi.

Bella o brutta è una nuova emozione a beneficio di chi ama il calcio.

Serviti con ciò, i grandi signori esperti e soloni del calcio, rimaniamo sul pezzo.

La Var non cambia la storia.

Vale a dire che di quest’ultima forse, si cambiano solo gli episodi marginali, le inutili particolarità, ma alla fine i grandi temi rimangono gli stessi.

Anche invertendo l’ordine dei fattori, il risultato finale non muta.

Si prenda ad esempio la vittoria della Juventus contro l’Inter sabato sera.

I tifosi interisti contestano l’influenza dell’arbitro Orsato nella partita, operata  attraverso la unilaterale  somministrazione di cartellini.

Si domandano come sarebbe finita in parità numerica, sia 11 contro 11, o 10 contro 10.

Già, la storia non cambia, mutano gli aneddoti, gli episodi poco influenti, ciò che alla fine non conta o conta poco.

Ciò che permane a dispetto di ogni cosa e che VAR o non VAR gli aiutini a certe squadre continuano ad esserci.

Questo è il vero problema.
VAR promossa o bocciata?

Sicuramente promossa per il valore aggiunto che ha portato nel campionato italiano e per quella illusoria trasparenza portata, almeno, negli episodi minori.

I bocciati sono coloro che la applicano.

La troppa discrezionalità di cui ancora godono determina l’elemento umano come un fattore portante per la sua applicazione. Purtroppo, noi lo sappiamo, l’elemento umano è facilmente condizionabile.

A pensarci bene la VAR, così configurata, rende ancora più difficile l’individuazione delle responsabilità, avendo allargato le stesse anche agli arbitri in tribuna.

Un detto popolare recita:

“colpa di tutti, colpa di nessuno”.

La Var deve continuare ad esistere, ma deve avere applicazione  più stringenti e specifiche.

Deve essere in grado di prescindere dal’elemento umano ed applicare elementi oggettivi, indiscutibili.

I puristi storceranno il naso, ma qui, consentitemi, non  sono in gioco le pendici olfattive di certi grandi professori.

Dobbiamo chiederci se vogliamo un campionato di Serie A più giusto, più equo e quindi avvincente o continuare ad assistere a corse in solitaria dal finale scontato.

Ci sono in gioco molte cose.

Non solo l’equilibrio di un campionato, ma anche la spartizione della ricchezza che l’industria calcio produce.

L’affare è troppo grande e importante per essere condizionato da una classe arbitrale da sempre in discussione, non finanziariamente autonoma, e particolarmente sensibile, o insensibile, alle pressioni dei gruppi di potere.

Il nostro auspicio è che la direzione del VAR rimanga sul percorso tracciato, operando, tuttavia, quei sostanziali miglioramenti in termini di efficacia, efficienza e trasparenza, al fine di garantire all’utente-calcio ciò che si merita.

Una storia che non sia un film già visto.

 

Roma Talk Radio

Paolo Paolucci

Ascoltaci in diretta su Roma Talk Radio dal lunedì al Sabato dalle 10.00 alle 22.00 !

Per scaricare clicca sulla scritta arancione !

SCARICA Roma Talk Radio per Android

SCARICA Roma Talk Radio per Apple

SCARICA Roma Talk Radio per Windows Phone

SCARICA Roma Talk Radio per Tune In

Oppure :

Direttamente dal ns sito

Direttamente dalla ns pagina Facebook con le ns Dirette TV Live 

(METTENDO MI PIACE ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK CI AIUTERAI A CRESCERE )

RomaTalkRadio è un’emittente WebRadiofonica e una testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale di Roma Nr. 204/2013  del 30/07/2013. Ricordiamo inoltre che tutte le collaborazioni (salvo diversi accordi) sul ns sito www.romatalkradio.it sono da ritenersi gratuite senza nessun tipo di rivalsa economica da parte degli interessati. Per tutte le foto presenti nei ns articoli vengono citate le fonti, qualora i proprietari delle immagini non volessero l’utilizzo delle stesse sono pregati di scrivere ad andreamateria@gmail.com , le foto utilizzate saranno immediatamente eliminate. 

rtr

Editore : Andrea Materia

Direttore Artistico : Fulvio Micozzi